Salta al contenuto
Rss




Il Campanone, denominazione data dal suo utilizzo come torre civica, chiamata in passato Torre Campanaria o Torre dell’Orologio, consiste in una torre di epoca medievale riattata nel corso dei secoli. Si tratta dell’unica torre che punteggiava il perimetro della cinta muraria e si impostava lungo i resti delle mura che si sviluppavano ai suoi lati e racchiudevano l’abitato già nel corso del medioevo.
Quello che oggi viene chiamato Campanone, in origine faceva parte di un complesso sistema di difesa del lato meridionale della città, formato da un totale di tre torri, delle quali si è conservata solo questa, che costituiva l’apparato centrale del sistema medesimo. Già in epoca medioevale veniva utilizzata come campanile civico, a differenza delle altre torri poste a protezione delle mura della città, che, in seguito alla loro caduta in disuso, furono abbattute. Fin dal XIV secolo il consiglio comunale si riuniva al suono delle sue campane.
La struttura presenta essenzialmente due fasi edilizie. Nasce come torre di difesa della cinta muraria. Come tale la sua conformazione originale era quella di una torre del tipo a gola aperta, molto simile a quella della Torre di Porta Tanaro, chiusa su tre lati, aperta verso la città, caratterizzata nella parte alta probabilmente da apparati sommitali a sporgere, pressoché dello stesso tipo di quelli della Torre di Porta Tanaro. Ciò è testimoniato dai beccatelli in pietra (mensole) che, nonostante i rimaneggiamenti, sono stati conservati e sono visibili insieme alle piccole feritoie di forma allungata.
Nel XVIII secolo furono apportate modifiche per meglio assolvere alla funzione di campanile civico. L’intervento fu completato nel 1795. Vennero eliminati gli apparati sommitali merlati e l’intera struttura fu soprelevata, con la realizzazione di una grande cella campanaria in mattoni, in stile tardo barocco, dove venne collocata un’unica grossa campana. La restante parte del corpo medievale fu mantenuta e il lato verso l’abitato fu tamponato.
Nel 1796 l’artigiano Pietro Maria Donetto della Valle Pont collegò al suono della campana il meccanismo dell’orologio che campeggia in facciata verso la città. Oggi il Campanone scandisce tutte le ore e le mezze ore, suona a distesa a mezzogiorno e ad ogni convocazione del consiglio comunale, nonché in alcune specifiche festività durante l’anno (Pentecoste, Assunta, San Rocco, San Bernardino e Madonna del Rosario) o in occasione di particolari lutti. Storicamente rilevante fu il suono della campana all’alba del 10 gennaio 1356, quale segnale di attacco al Castello per la cacciata delle soldatesche milanesi ivi asserragliate, che da tre anni spadroneggiavano in Ceva.
Prima che il vecchio meccanismo fosse sostituito dal sistema automatico, del 1965, i quotidiani rintocchi del mezzodì e quelli delle altre occasioni straordinarie furono per decenni le mansioni di un indimenticato personaggio: Lodovico Odello, detto Vico (1882-1972), bidello delle scuole elementari e direttore della banda musicale cittadina, che per abbreviare il percorso, nella scoscesa scarpata che separa le scuole Galliano dall’altipiano ove sorge il Campanone, aveva creato un camminamento, detto il sentiero di Vico, ripristinato da una decina d'anni.




Inizio Pagina Città di CEVA (CN) - Sito Ufficiale
Piazza Vittorio Emanuele n.17 - 12073 CEVA (CN) - Italy
Tel. (+39)0174.721623- 704620 - Fax (+39)0174.701845 -722500
Codice Fiscale: 00480720044 - Partita IVA: 00480720044
EMail: ufficio.protocollo@comune.ceva.cn.it
Posta Elettronica Certificata: comune.ceva.cn@cert.legalmail.it
Web: http://www.comune.ceva.cn.it


|